Le emozioni enzimi della mente

pubb. giovedì, 5 settembre, 2013


Genere: Soci Sipnei

Autore: Bottaccioli Francesco, Mambelli Monica, Cardone Raffaella

Pagine: 228

Prezzo: 20

ISBN: EAN 978-88-95899-62-6

Anno: 2010

Casa Editrice: http://www.neosedizioni.it

 

Il volume, frutto di una molteplicità di voci, ma soprattutto di menti, tratta della psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI).

COLLANA ARCOBALENO, diretta da Gianangelo Palo
A cura di Francesco Bottaccioli, Raffaella Cardone, Monica Mambelli
Il volume è frutto di una molteplicità di voci, ma soprattutto di menti,che hanno significativamente contribuito al suo concepimento e alla sua stesura, in tempi di maturazione avvenuti in vari contest idel nostro pensare. Un pensare di gruppo che possiamo ritenere complesso per la vastitàdel tema e la pluralità degli interventi. La Psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI) è la cornice teorica che ha permesso di integrare i vari elaborati e di creare numerose connessioni fra i diversi saperi e le molteplici competenze rappresentateda ogni autore. Questo nuovo paradigma scientifico è il risultato del convergere di cambiamenti e avanzamenti di più campi del sapere: quello delle neuroscienze, della psicologia, dell’immunologia, della neuroendocrinologia, della genetica, della biologia molecolare, della fisica, che si sviluppa dagli anni trenta con Hans Selye, con i suoi studisul sistema dello stress. L’ottica PNEI non trascura nessun aspetto dell’intricata rete psicosomatica che caratterizza il funzionamento della persona, in salute e in malattia. La Pnei così complessa, ma di grande apertura data dal dialogo dei diversi sistemi e saperi, permette di sostenere la presenza di molteplici vertici e dispositivi di osservazione sostituendo alla logica della disgiunzione quella della congiunzione.
Interventi di: I. Annino, A. M. Bellagamba, M. P. Boschi, F. Bottaccioli, R. Cardone, A. Carosella, P. Fava, F. Flamigni, M. Focacci, F. Gaddoni, A.G. Giulianelli, M. Grandi, M. Mambelli, M.Mosconi, A. Palmisano, G. Palo, S. Pedrizzi, L. Proli, M. Risi, S. Rossi