David Lazzari, presidente SIPNEI

pubb. venerdì, 17 maggio, 2013


Il numero dei partecipanti, l’assiduità della loro presenza, la qualità e varietà delle relazioni, hanno fatto del primo congresso internazionale di psiconeuroendocrinoimmunologia, tenutosi ad Orvieto dal 27 al 30 ottobre, un evento pienamente riuscito, un successo, per usare le parole di molti. Tra i commenti più frequenti, due mi hanno colpito maggiormente: la capacità del contesto, della cornice PNEI, di rendere armoniche e complementari relazioni apparentemente distanti, i contributi provenienti da discipline normalmente viste come lontane; la presenza attenta, partecipe e costante dei congressisti, che ha dato calore e condivisione ad un evento scientifico. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a questo successo, a cominciare da Francesco Bottaccioli e Marina Risi, a Tullio Giraldi, alla Segretaria Patrizia Rosa Rosa, alla Agenzia Vivavoce, a Bianca A. Pinelli ed ai tanti altri che non posso nominare ma che figurano idealmente in questo elenco.

La qualità dell’evento e dell’attività sinora svolta ci è valsa anche la proposta formalizzata dal Prof. Besedovsky, presidente della International Society for NeuroImmunoModulation (la società internazionale della PNEI) di collegare la SIPNEI all’ISNIM. Si tratta di un importante riconoscimento per la SIPNEI, che è stato prontamente accolto dal Consiglio Direttivo e dall’Assemblea dei Soci.

L’Assemblea dei Soci, svoltasi a latere del Congresso, ha anche proceduto (così come prevede il nuovo Statuto) alla elezione del presidente e vice-presidente della società, riconfermando all’unanimità il sottoscritto e Marina Risi a tali incarichi. Nel ringraziare per la fiducia accordataci, ritengo che dovremo impegnarci tutti per portare avanti i nuovi obiettivi societari con il massimo impegno, a cominciare dal rinnovo degli organi dirigenti delle sezioni regionali. Per numero degli iscritti e spessore di attività la nostra società è cresciuta in questi anni, ora questo congresso di incoraggia a fare di più e meglio, facendo della SIPNEI un luogo di incontro e crescita professionale ed umana, tra linguaggi, approcci e professioni spesso distanti che trovano nella cornice scientifica PNEI un potente elemento di integrazione ed arricchimento.

David Lazzari
3 novembre 2011